logotype
21 -July -2019 - 04:07

Songs

Un' Altra Musica

M. Rongo / G. Caliolo

 
Scivola come olio vergine

La realtaí

E tra le mani Ë cenere

Qui non cíË futuro e poi

Siamo solo boe nel mare

 

Gravita questa vita intorno a noi

Ruvida, arrugginita di frantoi

Dove cíera la speranza

Ora c'è l'oblio. Il buio!

 

E chissaí se cambieraí note la disarmonia

E se il vento suoneraí uníaltra musica.

 

Canteroí per chi mi ascolteraí

Venderoí cara la mia veritaí

E non Ë finita se

Non vibra ancora no. Il gong!

 

Ma chissaí se cambieraí note la disarmonia

Ed il vento suoneraí uníaltra musica.

 

Timbri di tamburi a tempo incalzano

Per le strade, in tutte le cittaí

Siamo una tribuí di nuove energie

Che fra qui a poco esploderaí.

 

Io lo so che cambieraí note questa melodia

Ed Il vento suoneraí uní altra musica.

Ouverture

R. Mazzei / G. Caliolo

 

Succede che

Non torno da te

Adesso ti penso

Tra un volo e un treno

Non va

Basta guerra, basta amore

Io resto qui con me

 

Sole e città

In velocità

Tutto è attutito

Un poí assopito 

E tu 

Sei sorriso, sei collina 

Un'altra galleria

  

Se tu fossi con me

Luce e amore saprei

Ricantare per noi

Dentro un viaggio senza te

Trovo tracce di me

Nel distacco d'amor

Lavanda e mare

Non più pianure

Tra borghi arroccati

Ridisegnati

 

Ora qui


Nel silenzio

Tutto è nuovo

E pieno di realtà

 

Se tu fossi con me

Luce e amore saprei

Ricantare per noi

In un viaggio senza te

Trovo tracce di me

Nel distacco díamo

 

L'Abbandono

R. Mazzei / G. Caliolo

  

C'è un paradiso

Che nasce con me 

C'è un desiderio 

Che adesso non c'è

Sibila il tempo e va

Come mistral

 

Guardati intorno

Bellezza non c'è 

Nemmeno forza

L'amore dovè

Sono una preda che va

Nella città

 

So che da tanto 

Il mondo non va

Chi adesso mi salverà

Le mie certezze 

Si fermano qua

Pioggia cadrà

 

Sono un cerino 

Acceso a metà

Solo pulviscolo 

Globalità

Se un'ape fiore non ha

Non volerà 

 

So che da tanto 

Il mondo non va

Chi adesso mi capirà

Le mie certezze 

Si fermano qua

Non cambierà

Calma Tempesta

P. Castelli / G. Caliolo

 

Vivi seguendo il tuo cuore

Lui sa parlare da sè,

Spesso fa tanto rumore

Ma a volte si stanca perchè

La vita è un brivido, 

Uníaltalena che va su e giù,

Ti porta in alto e poi

Discende su di te

 

C'è calma tempesta intorno a noi

Questa è la verità e vedrai

La dualità

C'è un movimento che non puoi

Non puoi frenare vivilo

Così comè

 

L'amore vero ti cambia 

Ci rende ogni giorno migliori

Non c'è tempesta che regga

Ad un raggio di sole perchè

Lui Ë come un fremito intenso e magico, miracolo

E' solo un attimo, o pura eternità

 

C'è calma tempesta intorno a noi

Questa è la verità e vedrai

La dualità

 

Eí uníemozione che non puoi

Non puoi arginare ascoltala

Così com'è

 

Calma  tempesta intorno a noi

Questa è la verità e vedrai

La dualità

 

Eí un movimento che non puoi

Non puoi frenare vivilo

Così com'è 

 

CíË calma e tempesta intorno a noi

Questa è la verità e vedrai

La dualità
 
 

Eterna Lontananza

R. Mazzei / G. Caliolo

 

Comodo, far finta díessere

Padrone del tempo 

Che non tornerà

 

Foto sbiadite di nostalgia 

Chiavi, cortili

Senza una voce 

Adesso

 

Cose che

Ci sopravvivono

Un fiore, un libro

Che non ho letto mai

 

Parigi ha la mia follia 

Roma mi copre di sguardi 

E scivola via

 

Guardami

Sono una nuvola

Appesa al filo della velleità

 

Non so dov'è la mia allegria

Una cena che aspetta

E poi di nuovo andare

Frequento il vento

M. Rongo


La neve non fa in tempo a scendere

che gia’ si scioglie come un’idea

che sembra buona invece e’ pessima

e resto fermo, immobile

quasi statua, iguana o quadro da fissare,

chiodo al muro

ma esiste chi mi spostera’

dall ‘alto con i fili

ai quali mi han legato bene

e questo io lo so.

E’ il verderame di un’ intelligenza artificiale

che muovera’ le sue pedine in tavola

e tutti in piedi e agli ordini

e senza mai controfigura
 


io frequento il vento

e spesso un amico che non spira su di me

qui’ c’e’ troppa gente intorno,

da sentirmi solo, fragile e inutile
 


cosi’ cammino sopra ai prati a scacchi dell’ esistenza

in bilico fra i chiari vuoti e gli abissi scuri

sto deragliando su me stesso,

somiglio a un treno merci

che taglia un’ aria in avaria

e trasporta stracci vecchi
 
 

non sogno piu’, non spero piu’, non lancio piu’ il mio sguardo

oltre la linea che ho di fronte, cosa vuoi che sia

che tanto e’ sempre quello,

il solito orizzonte
 
 

io frequento il vento

e spesso un amico che non spira su di me

qui’ c’e’ troppa gente intorno,

da sentirmi solo, fragile e inutile

qui’ c’e’ troppa gente intorno,

da sentirmi solo, fragile e inutile......Inutile......

 

La Misura

C. Baroni


Se io rifletto e servo

la vita che ora e’ nostra

vorrei poter ricominciare

vorrei renderla diversa

sciogliere questo ghiaccio

da cui sono protetto

e ritrovare un po’ di pace

se c’e’ nella mia testa

 

ma io non trovo la misura

neanche se tu ti nascondi

ho perso la misura

vorrei che niente fosse mai accaduto

ma tu fidati del cuore

sai che mi dispiace

vorrei potessi essere felice

 

tu devi stare bene

e non solo cosi’ apparentemente

io vedi sono solo un incapace

o un maledetto assente

che ha perso la misura

la vita che fu nostra

un colpo ed e’ caduta

oltre la finestra

 

e la mattina e’ fresca

ma gocciola la carne

 

ho perso la misura

vorrei che niente fosse mai accaduto

ma tu fidati del cuore

sai che mi dispiace

vorrei potessi essere felice

e che i tuoi occhi

potessero vedere oltre quel muro

 

ma tu fidati del cuore

sai che mi dispiace

vorrei potessi essere felice 

Dentro di Me

W. Pradel / C. Baroni


A volte e’ come il vento 

sulle spiagge vuote

e a volte e’ come la nebbia

che confonde il mio sole

 

gelida come l’inverno

gelida la mia gola, la bocca

non sa trovare le parole

per parlare ancora di te

 

dimmi cosa mi fai

perche’ mi fa bene

e’ il sorriso che hai

e’ la voglia che hai

 

sei come un’ombra segui me

il mio gioco qui sei tu

il tormento sei la mia ossessione

sei il calore

sei dentro questi baci miei

dentro i miei occhi sei

il peccato sei la mia passione

sei il colore

 

a volte come il vento

sulle spiaggie vuote

e a volte e’ come la nebbia

che confonde il mio sole

tu sei la tempesta

che mi fa naufragare

e io mi perdo con te

dentro di te

 

sei come un’ombra segui me

il mio gioco qui sei tu

il tormento sei la mia ossessione

sei il calore

 

sei come un’ombra segui me

il mio gioco qui sei tu

il tormento sei la mia ossessione

sei il calore

 

Comunque Sia

C. Baroni


Genio del tuo labirinto

batti lento il nostro tempo

eppure tutte quelle scale

si possono fare in un lampo

mi accarezzavi di parole

come accarezzavi i miei capelli

per ore ed ore e poi

si vede o non si vede,

si vede o non si vede

 

viziami o allontanati

guardami o nasconditi

tanto noi comunque sia

siamo irraggiungibili

leggimi o cancellati

pizzicami e svegliami

tanto noi comunque sia

 

e prendimi cosi’

al volo come gli angeli

che stanno accanto a noi

e non ci lasciano nei guai

afferrami cosi’

al volo e senza limiti

atterreremo insieme

prima o poi

 

lo sai che non si deve dire

e sai che non si deve fare

sarebbe ora di sfatare

o fingere di dimenticare

accarezzare la tua pelle

o scegliere di ragionare

basta così ma poi

si vede o non si vede,

si vede o non si vede

viziami o allontanati

guardami o nasconditi

tanto noi comunque sia

siamo inimitabili

 

voltati o sorridimi

tieniti forte o abbracciami

tanto noi comunque sia

 

e prendimi cosi’

al volo come gli angeli

che stanno accanto a noi

e non ci lasciano nei guai

afferrami cosi’

al volo e senza limiti

atterreremo insieme

prima o poi


...

Tutto da Rifare

C. Baroni


Ti sei mai chiesta

se quello che porti dentro

e’ veramente

tutto quello che ti rimane

ora non dirmi

che anche tu non hai trovato

molti punti da chiarire

altre carte da giocare

 

ed e’ di nuovo

natale e sto male perche’

a quelle favole

che hai raccontato su di te

ormai nessuno,

nessuno ci crede piu’,

ci credi solo tu, solo tu

solo tu solo tu

 

solo tu fuoco

sapevi di bruciare

diavolo o divino,

potevi farmi male

e adesso giro, giro

radiocomandato dal tuo cuore

e qualche volta mi fai anche rotolare

giro e girano le palle del mio albero di natale

giro giro radiocomandato dal tuo cuore

e ogni tanto mi fai anche rotolare

giro giro e mi rigiro un’altra notte senza te

 

e adesso giro giro

giro giro

 

un anno e’ andato,

finito ed evaporato

e gira il mondo,

ma sai lui e’ rotondo

ora non dirmi

che cos’altro si può fare

molti punti da chiarire

e’ ormai tutto da rifare

 

ed e’ di nuovo

natale e sto male perche’

a quelle favole

che hai raccontato su di te

e se mi manchi,

si vedra’ che si può fare

fidati, fidati..Tutto da rifare

 

tu fuoco

sapevi di bruciare

diavolo o divino,

potevi farme male

e adesso giro, giro

radiocomandato dal tuo cuore

e qualche volta mi fai anche rotolare

giro e girano le palle del mio albero di natale

....

Con Quello che mi Dici

M. Rongo


Un’orchidea un’idea

la sensazione d’aver centrato

in pieno i gusti e gli odori

esserle stato sempre accanto

col guinzaglio e l’osso d’azzannare

tanto per non farle del male

 

ma che visione che onore

l’avessi mai saputo prima

non avrei messo il maglione

che ho uno scudo di metallo

e che se attacchi non ti stacchi

faccio fatica anche a sognare

 

l’incubo piu’ dolce

quella schiena la mia croce

posso gia’ pregare

quanto dista il mare

dal tuo bosco folto da incendiare

 

con quello che mi dici

tu mi spezzi le radici

dai piedi caldi d’erba in terra

sai farmi stare male

graffi come un animale

spari parole e mi dai guerra

e un’ altra guerra ci sara’

 

e’ l’evidenza la scienza

il fatto che tu sia ricomparsa

un boomerang su nel vento

che torna indietro se si lancia

e se scomponi e ricomponi

ogni minuto di esistenza

e’ un puzzle da rifare

mille pezzi da incastrare

non e’ piu’ giocare persi in riva al mare

tra le barche e un sole da affogare


con quello che mi dici

tu mi spezzi le radici

 

dai piedi caldi d’erba in terra

confondi i miei sentieri

mandi in orbita i pensieri

uccidi prima e poi dai guerra

 ...

 
2019  www.walterpradel.com   Copyright Maia Design by Linda Cavallero